Questi tirano a fare (del) male!

Questi tirano a fare (del) male!

Da quanto la privatissima proprietà (Busitalia/Cap/Autoguidovie) ha acquistato Ataf, per mano dei suoi rampanti e agguerriti manager ha : ridotto il servizio, deportato giovani autisti fino nelle nebbie venete e ai conducenti superstiti allungato l’orario di guida e diminuito le pause fra i periodi al volante a 15 min.

Dal 3 u.s. non ancora soddisfatti dell’opera, gli stessi hanno ulteriormente peggiorato le condizioni di lavoro dei propri dipendenti allungando l'orario di lavoro a costo zero non certo per potenziare il servizio ma solo per far cassa.

Ma le nefaste novità non finiscono mai. In questi giorni, come facilmente prevedibile, si vocifera che i nostri manager nella trattativa nazionale per la contrattazione di secondo livello di tutte l'aziende del gruppo bussitalia vogliano far toccare il fondo agli Autisti togliendogli anche il diritto alla salute, negandogli il pagamento dei primi tre giorni di malattia: non è gia pericolosamente bastevole per “questi squali” l’aver già legato alla presenza a lavoro una parte dello stipendio.

Tags: 

Comunicato Stampa: Mancanza vetture

Mancanza vetture


Dal 3 maggio, con l’entrata in vigore del nuovo orario di lavoro, in ataf Gestioni la vita dei
lavoratori è cambiata: tutti lavorano di più a costo zero senza che questo contribuisca a
portare beneficio al servizio fornito all’utenza ma vada soltanto ad incrementare il
risparmio nelle casse aziendali.
Diciamo questo perché per la terza mattina consecutiva il servizio non sta uscendo
regolarmente: gli autisti che si presentano in portineria a ritirare la tabellina oraria per
prendere servizio in linea, vengono fatti rimanere a disposizione in deposito a causa della
mancanza di vetture idonee.

L'Altra Casta

L'Altra Casta

Dal 3 di maggio in Ataf cambieranno in peggio tante cose...

Non ci sarà settore aziendale che da quella data non perderà qualcosa.

Tutti lavoreranno di più e faranno sacrifici, chi tanto chi poco, ma ogni lavoratore farà “la sua parte” come piace molto dire ai nuovi manager.

 

Tutti, ad eccezione della casta sindacale, ai sindacalisti di professione non cambia niente, continueranno ad avere il proprio turno sindac1 o sindac2, continueranno a non lavorare il sabato e la domenica e le feste comandate, continueranno con il calar del sole ad essere a casa e non su un bus come tutti gli autisti a giro.

La Zona Rossa

La zona rossa

 

Per la Protezione Civile la “Zona Rossa” è l’area per cui l’evacuazione preventiva è l’unica misura di salvaguardia della popolazione.

Per le Autorità di Pubblica Sicurezza la “Zona Rossa” è quella parte della città che viene murata per accogliere i vertici internazionali.

Per la Dirigenza Ataf la “Zona Rossa” è la sala riunioni dei depositi Cure e Peretola durante la trattativa tra sindacati e azienda.

Questa deve essere una zona invalicabile per un comune lavoratore, al quale non è più permesso entrarvi, pena essere cacciato, quando all'interno si svolge una riunione che riguarda il proprio futuro.

Questo è successo venerdì 11 aprile: dei lavoratori che educatamente erano venuti ad assistere alla trattativa, come sempre avvenuto in 40 anni di relazioni sindacali in questa azienda, sono stati cacciati dall'Amministratore Delegato Mazzoncini.

Noi riteniamo questa, cosa che abbiamo detto a chiare note a Mazzoncini, una grave mancanza di democrazia e siamo assolutamente contrari a questa scelta aziendale.

Tags: 

Pasqua

 

Rappresentanza Sindacale Unitaria

ATAF

 

Firenze, 11/4/2014

alla cortese attenzione di: Renato Mazzoncini Presidente Ataf gestioni

Andrea Morucci

Direttore risorse umane e organizzazione

Luciano Grazzini

Direttore corporate

 

 

OGGETTO: Pagamento giornata lavorata di Pasqua 2013

La scrivente r.s.u. ha riscontrato, nella busta paga di marzo, il mancato pagamento della giornata di Pasqua 2013 a quei lavoratori che in tale giornata hanno prestato servizio come previsto dagli accordi ancora vigenti del 24/7/2009 e del 25/05/2010.

Tags: 

Cena per raccolta Fondi per i tranvieri ATAF

Volantino Festa del 2 Aprile

Assemblea Generale

CGIL – CISL – UIL – FAISA UGL e RSU

 

Lunedì 3 Marzo 2014

Assemblea Generale

ATAF pubblico servizio a servizio del pubblico

Ricorso Ordinanza - Ingiunzione

Rappresentanza Sindacale Unitaria

ATAF

RICORSO ORDINANZA-INGIUNZIONE

Il nostro studio legale ha ravvisato alcuni elementi utili per impugnare
l'ordinanza – ingiunzione che sta arrivando ai lavoratori ai quali viene
contestato il mancato rispetto della precettazione.
La RSU consiglia pertanto a tutti coloro che intendono presentare il
ricorso e che hanno già intrapreso il percorso di contestazione alle
segnalazioni aziendali con il nostro studio legale, di comportarsi come
segue:

Se con multe e giorni di sospensione pensano di intimidirci hanno sbagliato di grosso

Rappresentanza Sindacale Unitaria

ATAF


Ai tranvieri di Genova che si sono fermati x 5 giorni a tutt’oggi né un
giorno di sospensione né un euro di multa...
Ai tranvieri pisani e livornesi che come noi si sono fermati 2 giorni né un
giorno di sospensione né una multa..
Ai tranvieri fiorentini guarda caso, 4 giorni di sospensione e 600 euro di
multa e una denuncia per interruzione di pubblico servizio, chissà come
mai? Forse la lunga mano di Renzi si è fatta sentire? Il nuovo padrone
Moretti non può permettersi intralci al suo progetto?
Intanto la dirigenza aziendale, nonostante l’enorme disponibilità, da parte
dei lavoratori a trovare una soluzione, fa sapere che anche se si trovasse un
accordo su turni e salario, tutta la contrattazione di oltre 50 anni da Ataf
andrà a sparire.


Se con multe e giorni di sospensione pensano di intimidirci
hanno sbagliato di grosso, per questo:
LUNEDI’ 10 FEBBRAIO
PRESIDIO

Dalle ore 10.30 alle 16.00
Se sei di mattina, di pomeriggio o di riposo
Passa almeno un’ora e fai sentire la tua voce.
Lotta in prima persona, non delegare.
Dalle ore 13 vino e pastasciutta per tutti

Pagine

Abbonamento a Cobasataf RSS